Pagine

venerdì 4 aprile 2014

idee...


manca un mese esatto alla realizzazione del sogno...
ed io ho ancora la testa tra le nuvole...
il taccuino pronto sul comodino con la matita accanto...
così le mie idee notturne le fermo sulla carta...con l'intento di non farle fuggire via...


un giorno tocca alla stoffa e alla mia macchina da cucire...
un altro tocca al legno e ....a chiodi pieni di ruggine...
spesso mi ritrovo davanti al banco di lavoro di mio babbo...
e da lì attingo a viti chiodi cera per legno...
frese e carta vetrata....


lui mi guarda da lassù e dirige ogni mio passo...
grazie babbo...
ora ho capito da chi ho ereditato questa voglia di creare....
questa voglia di sporcarmi le mani....di riempirmi di polvere di legno...di avere la schiena
a pezzi da non riuscire ad alzarmi al mattino...ma di guardare quello che faccio ed essere in quel preciso istante la persona più felice del mondo ricca dentro il petto di soddisfazione...
mi ritrovo ad aprire cassetti pieni di scatole e scatoline...
di timbri per legno e ferro...di spaghi vecchi...
e di qualsiasi cosa la mia fantasia abbia bisogno in quel momento...


figlia di mamma sarta e babbo meccanico chiamato l'aggeggino
si incrociano spesso nella mia testa questi due lavori
nei quali ho passato tutti i giorni della mia infanzia...


fino ad oggi...
la mia casa è un cantiere...
domani tocca al legno...


e a un po' di novelle...
un abbraccio...

7 commenti:

  1. Ciao Irene,ho visto tutte le cose che hai creato ,e,ti devo fare i miei complimenti,per originalita' e determinazione.Sono fiera di te! Bacio!

    RispondiElimina
  2. Preciosas!!! Son muy finas.
    Anna

    RispondiElimina
  3. Trovo questi sacchetti deliziosi, a partire dalla scelta dei tessuti, ed è chiaro che hai ereditato dai tuoi genitori la passione di far nascere dalle tue mani dolci manufatti. Ti capisco perchè anche per me è la stessa cosa. Complimenti. Paola

    RispondiElimina
  4. ...felice ,si felice che la tua voglia di fare si sia di nuovo risvegliata...Maggio è vicino...dietro l'angolo!
    Lelia

    RispondiElimina
  5. Irene cara... quanto capisco il tuo bisogno di unire il delicato e romantico della stoffa, trine e merletti con la ruvidità e rusticità di legno e ruggine... un po' anche per me deriva dalle influenze diverse dei miei genitori, o comunque mi piace pensare che sia così! So già che al poggio ti stropiccerò di abbracci e mi caricherò la macchina di tue creazioni! ^_^

    RispondiElimina